Calendula – Calendula officinalis

La Calendula è una pianta solare, il nome deriva dal latino calendae che nel calendario lunare indica il ciclico rispuntare della luna: la Calendula fiorisce tutto l’anno e la fioritura dura un ciclo lunare. I suoi semi hanno la forma della falce di luna crescente. Nella tradizione magica il fiore della Calendula rappresenta il sole celato: un fuoco femminile che arde lentamente e dona vita e calore ad ogni essere. Il suo legame con Madre Terra si trova nel suo scandire il cammino degli esseri viventi con i cicli certi di vita e morte.

Calendula

Si  raccoglie in ogni stagione e si possono usare freschi o secchi sia i fiori che le parti verdi. Si raccoglie nelle ore calde del mezzogiorno di domenica e in luna crescente.

Adatta a tutti i disturbi legati al ciclo femminile e ai problemi di pelle. Depura il sangue, aiuta fegato, stomaco, intestino e reni.

Per i disturbi femminili si prepara una tisana con 20 g di Calendula, 10 g di Achillea, 15 g di Issopo, 15 g di malva, 15 g Melissa, 15 g di Ortica, 15 g di Salvia e si beve 2/3 volte al giorno lontano dai pasti.

Tisana per la donna: 20 g Calendula, 20 g Camomilla, 15 g Achillea, 15 g Melissa, 15 g Iperico, 15 g Tiglio, da usare prima e dopo il ciclo o in menopausa (3 tazze al giorno lontano dai pasti)

Si può usare anche in Tintura Madre o in oleolito.

La Calendula officinalis è ricca di xantofille, carotenoidi, flavonoidi, oli essenziali, vitamina C, acido salicilico e sostanze mucillaginose. Le foglie e i fiori sono ricchi di carotenoidi: antiossidanti perfetti per proteggere gli occhi dalle radiazioni nocive.

Famiglia: composite

Comincia la discussione

Lascia un commento