Ortica (Urtica dioica)

L’ortica è una pianta perenne molto diffusa caratterizzata dai peli urticanti su fusti e foglie. Si trova principalmente in terreni ricchi di sostanze nutritive.

la pianta è facile da riconoscere proprio perché da bambini tutti la hanno “conosciuta” e per questo poi la si impara a conoscere: i peli delle foglie si spezzano a contatto con la pelle e rilasciano un liquido irritante. L’ortica non è dannosa anzi migliora la circolazione e combatte i reumatismi. Il fastidio dopo poco passa, ma per accelerare si può usare la parietaria.

Si raccolgono le cimette con 2-4 paia di foglie, si mangiano cotte così non pungono più e sono assimilabili allo spinacio. Cruda va tagliata molto sottile e ben condita. Si possono mangiare anche le infiorescenze e i semi. L’ortica è molto ricca di proteine: dal 5 al 9% del peso fresco che corrisponde al doppio della soia.

L’ortica è molto simile alla falsa ortica, anch’essa commestibile che si chiama Lamium.

La medicina popolare la indica come pianta diuretica, cardiotonica, analgesica, espettorante.

In cucina si usa in zuppe, focacce, risotti. Sul libro di Meret Bissegger troviamo un delizioso burro alle ortiche preparato aggiungendo 2/3 manciate di foglie di ortica tritate a coltello molto finemente a 150 g di burro morbido con 1 c di senape e 1 c di sale marino alle erbe. non prepariamolo in anticipo perchè assume un odore sgradevole.

Insalata di ortica e tiglio

mescolare fiori di ortica, tenere foglie di tiglio, fiori di robinia e condire con sale pepe aceto di vino bianco olio di noci e olio di oliva.

crespelle con ortiche e tofu affumicato

Preparare le crespelle mescolando 150 g farina, 300 ml acqua, 3 uova, 1 c sale alle erbe, 2 ct burro fuso.

Sciogliere 20 g di burro chiarificato e soffriggere 1 scalogno tritato e 150 g di cubetti di tofu affumicato. aggiungere 1 ct di farina, tostare e poi togliere dal fuoco aggiungendo 100 ml di vino bianco e 200 ml di brodo vegetale, mescolare tutto e rimettere sul fuoco per 10 minuti. Incorporare 500 g di foglia di ortica e 200 g di foglie di aglio orsino tagliate grossolanamente e cuocere 5 minuti. Aggiungere 200 ml di panna e 1 ct di cherry e riportare a bollore. aggiungere pepe nero e noce moscata e farcire le crespelle.

tortini di mele e ortiche

per 4-6 formine.

Impastare 120 g di farina di farro, 60 g burro, 2 ct zucchero , 1 presa di sale, 1 ct di quark. suddivider e rivestire le formine e spolvera il fondo con 50 g di mandorle tritate.

Prepara il ripieno sbollentando 200 g di ortica, raffredda e sminuzza e uniscila a 3 uova, 300 ml di panna, 5 ct di succo di mela concentrato, 1 presa di vaniglia in polvere e 1 mela  a cubetti. cuoci in forno riscaldato a 180° per circa 40 minuti.

Comincia la discussione

Lascia un commento