Parietaria – Parietaria officinalis

Chiamata anche erba vetriola, appartiene alla famiglia delle urticacee.

é una pianta perenne poco vistosa che si trova lungo siepi, ruderi, luoghi ombreggiati e boschi umidi. cresce spesso vicino all’ortica. La Parietaria judaica, molti simile ma con fusto sdraiato, cresce sui muri a secco (da cui il nome paries, lat = parete) in zone soleggiate.

La parietaria ha fusto eretto, spesso rossastro fragile e peloso. Le foglie sottili pelose e lucide si attaccano ai vestiti. Il polline dei fiori può scatenare allergie.

In cucina si raccolgono le parti giovani delle pianta che riscrescono come nell’ortica. Si usa cotta, ha un gusto che ricorda la noce e si usa come spinacio o come polpette, creme, salse, terrine, ripieni.

Tutti i generi di parietaria sono commestibli.

La parietaria in cucina

Terrina di parietaria

per una forma di 30 cm

Bollire per 4 minuti 100 ml di vino bianco, 100 ml di acqua, 1 ct di brodo vegetale in polvere, 1 c di agar agar in polvere, 200 ml di panna intera. A parte cuocere 4-5 minuti 180 g di cimette di parietaria, frullarle insieme alla massa. versare in uno stampo rivestito di pellicola trasparente, far raffreddare e poi riporla in frigorifero per alcune ore. toglierla dalla pellicola e servire con una insalata (per esempio di foglie giovani di tiglio e viole).

Prima di versare nella terrina togliere 1 ct di massa e metterlo in frigo, se non si rapprende in 10 minuti far bollire altri 4 minuti con altro agar agar.

Terrina di ortica e parietaria con fiori di erba cipollina e petali di rosa

Polpette di parietaria

Sbattere 2 uova, unire 300 g di ricotta di capra, 4 ct di pane grattugiato, 4 ct di formaggio, la scorza grattugiata di mezzo limone, sale, pepe, noce moscata. Cuocere qualche minuto 5 manciate di foglie di parietaria, far raffreddare, tritare e unice alla massa. Formare polpette da rosolare in olio o burro. le polpette sono buone sia calde sia fredde.

Varianti: le polpette si possono preparare anche con ortica, farinello, buon Enrico, amarando, stellaria, verzette, castalda, aglio orsino.

 

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *