Poligono del Giappone – Reynoutria

Il poligono del Giappone cresce lungo gli argini e negli incolti per invadere boschi e pascoli. Originario dell’Asia dell’est si diffonde rapidamente anche in Europa.

E’ un cespuglio rigoglioso che cresce fino a 3 m di altezza. In inverno la parte aerea muore ma resta il fusto rosso per poi rinascere a primavera anche di 30 cm al giorno. Le foglie a forma di cuore nascono nei nodi e fiorisce a fine agosto.

I giovani getti sono teneri e si possono sgranocchiare crudi, sono aciduli ma più delicati del rabarbaro. Il gambo è cavo e si può farcire con diversi ripieni o ridurlo ad anelli da aggiungere ai risotti. Anche le foglie e le radici si possono consumare, contiene acidi ossalici.

 

Si può confondere con  la Reynoutria sachalinensis, sempre commestibile.

Ricette (Meret Bissegger)

Tronchetti di poligono ripieni

Dai grossi fusti si possono ricavare dei cannelloni, le parti più piccole e tenere si usano per le torte.

Spennellare con olio di girasole i pezzi di fusto sbucciati. Riempirli con un ripieno di 100 g di ricotta, 40 g di noci macinate, sale e 1 spicchio di aglio, aggiungere pepe e e noce moscata e farcire i gambi, disporli in una pirofila e cuocere 10-15 minuti a 190° con forno ventilato.

Il ripieno può variare: per renderlo dolce si possono aggiungere alla ricotta 40 g di nocciole macinate, 1 cucchiaio di uvetta, 1 cucchiaino di scorza di limone grattugiata, 1 presa di cannella in polvere.

Torta di poligono del Giappone

per una tortiera di 30cm, fare un impasto con 240 g di farina, 120 g di burro, 3 cucchiai di zucchero di palma, 1 cucchiaio di cannella, 1 presa di sale e 1 cucchiaio di formaggio cremoso. Stendere la pasta e rivestire la tortiera, spolverare il fondo con 100 g di nocciole macinate. Per il ripieno mescolare 3 uova con 250 ml di panna, 6 cucchiai di succo concentrato di pera o mela, 2 cucchiai di formaggio cremoso e 20 steli di poligono giovane tagliati ad anellini. Cuocere 1 ora a 180° con forno ventilato e resistenza inferiore.

Comincia la discussione

Lascia un commento